Sei qui: Home Turismo, cultura e sport Da visitare Via Adua: lungo tutta la via ricordi medievali

Via Adua: lungo tutta la via ricordi medievali

PDF  Stampa  E-mail 
Via Adua Via Adua

Via Auda (già via Reiva). Le tracce più antiche le si notano su entrambi i lati incominciando a sinistra con i resti di un doppio arco che dalle pietre laterali si intuisce che era la chiusura di un antico cantone con il suo sbarramento antibrigantaggio. I portoni con i resti delle chiusure si susseguono su entrambi i lati fino allo sbocco della via sullo slargo poco distante dalla Chiesa Parrocchiale e prima a destra e poi a sinistra dipartono due vicoli: il primo per i portoni ancora con la volta in ciottoli del fiume che dal medioevo sopporta il peso dell'abitazione sovrastante, mentre il secondo mostra murature di pietra a lisca di pesce a testimoniare l'antica costruzione di queste case.

All'angolo una cantina sotterranea con struttura d'ingresso con pietre naturali disposte nel senso della lunghezza denuncia la sua costruzione all'inizio del XIX° secolo ed al suo interno, ora murato, è presente un cunicolo che si inoltrava sotto le fondazioni delle casa, verso l'esterno, forse via di fuga in caso di pericolo. La stessa struttura di quest'epoca si trova sul portone della casa adiacente che testimonia l'evoluzione del nostro paese con un piano terra di inizio medioevale, una scala di pietra trapezoidale probabilmente della stessa epoca, un primo piano a pilastri di sostegno rotondi, tipici del Seicento ed un tetto ovviamente ricostruito in tempi più recenti. Alcune effigi scolpite sulla pietra parlano di messaggi di allerta di quei tempi che solo con un'analisi più approfondita si potrà indagare ulteriormente. Il locale di sinistra tra i due archi con una porta di particolare ricercatezza, è stato il primo ufficio postale del paese. Sul muro che dà sulla strada è ancora visibile il segno della buca delle lettere. Quasi di fronte esiste ancora il portone di chiusura di antica fattura che chiude un cortile che ha conservato quasi intatte le fattezze del Medioevo. Due case con iscrizione dell'anno “1700” stanno ad indicare che in quel periodo vi fu una certa evoluzione urbanistica in quel periodo.

< Prec.   Succ. >
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 04 Aprile 2011 13:18 )
 

INFORMATIVA: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori infomazioni sui cookie utilizzati in questo sito guarda la nostra privacy policy.

Accetto l’utilizzo dei cookie su questo sito.

EU Cookie Directive